none of the above

unnecessary words from my inside

E fanculo ad Anna

without comments

Io non posso dire di amare Ikea, non sono uno di quelli invasati che hanno tutta la casa piena di mobili Ikea. Però Ikea mi piace, davvero. Mi piace andarci, mi piace comprarci, mi piace come è organizzato il tutto, mi piace montare le cose di Ikea perché sono mediamente facili e ti danno la soddisfazione del bricoleur che quando hai montato una Billy e sta lì, bellamente appoggiata al muro, uno può fin bullarsi che sa montare le cose di Ikea.

Quindi non so spiegare quanto ci sono rimasto male domenica mattina quando, finito di montare la lampada Fado in ingresso, ho tentato di mettere la lampada Lillholmen su dalle scale e ho capito in pochi secondi che quella lampada lì non si può fissare, proprio non è fattibile. Che chi l’ha progettata l’ha fatta bella, ha anche la base in ceramica isolante come le lampade di una volta e non in plasticaccia, ma non si può fissare al soffitto, non ce n’è. Chi l’ha progettata non ha mai provato a montarla, sennò avrebbe capito pure lui che i fili non escono da un foro nel muro, ma escono da un tubo. E quindi se la tua lampada non ha lo spazio per alloggiare qualche centimetro di filo nelle proprie viscere non si può montare. Certo, si potrebbe montare se i fili uscissero da un buco, basterebbe far rientrare quei centimetri nel buco, ma siccome non escono da un buco, ma da un tubo, quei centimetri sono di tua competenza, sei tu lampada che te li devi gestire.

Infatti sulle istruzioni ci hai messo il disegno con i fili che escono da un buco e quindi sei a posto, se però quelle istruzioni me le metti dentro la scatola e le vedo solo a casa allora sei stronzo e mi costringi a spaccare una lampada nel tentativo di piazzarla e di tornare a restituire la seconda.

A meno che l’obiettivo fosse proprio quello di farmi tornare e nel caso non ce ne sarebbe stato bisogno, anzi, è controproducente: io è l’unico posto in cui mi piace andare a fare la spesa, l’Ikea, farmici venire a forza per cambiare una lampada che mi ha fatto incazzare perché non si può montare non è il modo migliore per tenermi come cliente soddisfatto.

E siccome so che tu, Ikea, non sei stupida, so che non è quello il motivo, quindi dichiariamo pace fatta e ti riporto quella merda di lampada e vedo di trovarne un’altra e la chiudiamo lì, però niente scherzi per un po’, d’accordo?

Written by effemmeffe

October 5th, 2010 at 9:59 am

Leave a Reply